Come evitare sovraccarichi con le regioni

Le Regioni KML consentono di migliorare notevolmente l'esperienza dell'utente. Questa funzionalità consente di limitare la visibilità dei segnaposto in aree con un numero elevato di segnaposto a basse altitudini, suddividere immagini ad alta risoluzione e caricarle in livelli di dettaglio sempre maggiori utilizzando le sovrapposizioni superiori, quindi caricare dinamicamente nuovi file KML in base alla posizione dello spettatore. Di seguito sono elencati alcuni file KML che utilizzano le regioni:

Logo KML Animazione NASA Blue Marble 2004

Logo KML Sovrapposizione del Global Connection Project di immagini NOAA dopo l'uragano Katrina

Mappe storiche di Rumsey, disponibili nella cartella Contenuti in primo piano del riquadro Livelli di Google Earth.

Data l'assenza di un'interfaccia utente per la creazione di regioni in Google Earth, questa esercitazione spiega come creare una regione modificando un'altra funzionalità KML con struttura simile, la sovrapposizione al suolo.

 

Prima di iniziare

Per portare a termine l'esercitazione è necessario:

Le sovrapposizioni di immagini

Se hai avuto modo di vedere una sovrapposizione di immagini in Google Earth, hai probabilmente notato che le immagini sono di solito rettangolari. Le dimensioni e la posizione di una sovrapposizione di immagini vengono impostate dall'utente specificando i bordi nord, sud, est e ovest dell'immagine.

Nota. Le sovrapposizioni di immagini di Google Earth vengono create in KML utilizzando il tag <GroundOverlay>. In questa esercitazione vengono utilizzati entrambi i termini in modo intercambiabile.

Individua il riquadro di visualizzazione in un esempio di sovrapposizione di immagini:

Logo KMLEsempio di sovrapposizione di immagini
  1. Fai clic per scaricare l'esempio di sovrapposizione di immagini sopraindicato.
  2. Fai doppio clic sul file scaricato per aprirlo in Google Earth.
  3. Fai clic con il pulsante destro del mouse su "Image Overlay" sotto il documento Image Overlay Example nel riquadro Luoghi, quindi seleziona "Proprietà" dal menu contestuale.
  4. Seleziona la scheda "Percorso".
    La scheda mostra i bordi nord, sud, est e ovest della sovrapposizione di immagini.

    Schermata - Esempio di sovrapposizione di immagini

Modifica la sovrapposizione di immagini:

  1. Sposta la finestra Modifica sovrapposizione immagine di lato in modo da poter vedere la sovrapposizione di immagini sulla mappa.
  2. Modifica le dimensioni e la forma della sovrapposizione di immagini trascinando i lati e gli angoli verdi ("maniglie"). Sposta lentamente il cursore sulle maniglie verdi finché non viene visualizzata una freccia bidirezionale. Sarà a quel punto possibile trascinare le maniglie.
  3. Sposta la sovrapposizione di immagini trascinando la croce al centro della sovrapposizione. Muovi lentamente il cursore sulla croce verde al centro finché non viene visualizzato un dito puntato. Sarà a quel punto possibile spostare la sovrapposizione di immagini.

    Schermata - Rettangolo sulla mappa

Ripristina la sovrapposizione di immagini originale:

Le regioni

Le regioni consentono di gestire la visibilità di segnaposto e altre funzionalità KML mediante la definizione di due parametri:

Riquadro latitudine, longitudine e altitudine

Le regioni definiscono un rettangolo piano (area bidimensionale) o un parallelepipedo (volume tridimensionale) sulla mappa. Poiché le regioni sono invisibili, per visualizzare una regione osserva il poligono KML rettangolare (in basso a sinistra) e il poligono estruso/parallelepipedo (in basso a destra). Entrambi hanno gli stessi bordi nord, sud, est e ovest, ma per il parallelepipedo "Regione" (destra) è stato anche specificato un valore di altitudine, a indicare l'altezza della regione.

Schermata - Rettangolo sulla mappa Schermata - Rettangolo sulla mappa

Livello di dettaglio

Le regioni consentono anche di specificare le dimensioni con le quali il rettangolo o il parallelepipedo deve essere visualizzato sullo schermo prima di essere considerato attivo o inattivo. Questo valore corrisponde alla radice quadrata dell'area occupata dalla regione sullo schermo, espressa in pixel.

Se ad esempio per la regione piana (in basso a sinistra) si specifica un valore minLodPixels pari a 128, la regione dovrà essere di almeno 128 x 128 pixel in Google Earth per essere considerata attiva. Anche il parallelepipedo (in basso a destra) appare essere di circa 128 x 128 pixel in Google Earth, pertanto sarà anch'esso attivo.

Schermata - rettangolo sulla mappa con sovrapposizione da 128 pixel Schermata - casella sulla mappa con sovrapposizione da 128 pixel

Perché i parallelepipedi?

Perché utilizzare regioni non piane? Perché i parallelepipedi sono utili nell'applicazione di regioni a modelli tridimensionali di SketchUp. Le regioni vengono utilizzate per l'attivazione e disattivazione di funzionalità a seconda della distanza di visualizzazione.

Con un modello 3D come l'Empire State Building (mostrato sotto), se la telecamera viene inclinata vicino all'orizzonte, ovvero verso l'alto, ci si può avvicinare di molto a un modello con una regione piana (sinistra) senza che questa sia abbastanza grande sullo schermo da essere attivata. Configurando la regione come parallelepipedo che circonda il modello 3D, è possibile osservare il modello di lato e attivare comunque la regione a una distanza ragionevole (destra). Ulteriori informazioni sulla creazione di regioni 3D tramite i tag <minAltitude> e <maxAltitude> leggendo la sezione Regions dell'esercitazioneKML 2.1 Tutorial.

Schermata - Empire State Building su un rettangolo Schermata - Empire State Building in una casella

Confronto di <GroundOverlay> e <Region>

Il codice KML per <GroundOverlay> e <Region> è molto simile. In entrambi i casi viene utilizzato un riquadro di visualizzazione per definire i bordi nord, sud, est e ovest. Confronta la rappresentazione di una semplice sovrapposizione fissata al suolo (sinistra) e di una regione (destra) in KML:

GroundOverlay
 
Region
<GroundOverlay>
<name>Example Ground Overlay</name>
<Icon>
<href>white_square.png</href>
</Icon>
 
 
<Region>
<Lod>
<minLodPixels>128</minLodPixels>
</Lod>
  <LatLonBox>
<north>45</north>
<south>0</south>
<east>90;/east>
<west>0</west>
</LatLonBox>
 
  <LatLonAltBox>
<north>45</north>
<south>0</south>
<east>90</east>
<west>0</west>
</LatLonAltBox>
</GroundOverlay>
 
</Region>

In un overlay del suolo, il riquadro è chiamato <LatLonBox>. In una regione è chiamato <LatLonAltBox>. Aggiungendo facoltativamente i tag <minAltitude>
e <maxAltitude> al parametro LatLonAltBox di una regione (non presente nell'esempio sopra), verrà creata una regione 3D da utilizzare con modelli 3D di SketchUp.

Creazione di una regione modificando una sovrapposizione fissata al suolo

Ora che abbiamo esaminato le similitudini tra regioni e sovrapposizioni fissate al suolo, è possibile imparare a utilizzare l'una per creare l'altra. Se non l'hai già fatto, scarica il file KMZ Image Overlay Example (esempio di sovrapposizione di immagini), quindi scarica i seguenti file KMZ Brooklyn Hospitals (Ospedali di Brooklyn) e Region Size Guide (Guida per le dimensioni delle regioni):

Logo KMLEsempio di sovrapposizione di immagini

Logo KMLBrooklyn Hospitals

Logo KML Guida relativa alle dimensioni per la sovrapposizione fissata allo schermo (disattivata per impostazione predefinita)

Carica tutti questi file in Google Earth. Una volta caricato il file Brooklyn Hospitals retrocedi con lo zoom da New York per vedere come tutte le icone e le etichette si sovrappongano, diventando così scarsamente visibili da altitudini elevate. È possibile migliorare l'esperienza di visualizzazione utilizzando una regione per definire quando questi segnaposto debbano essere visibili.

Modifica la sovrapposizione fissata allo schermo:

La sovrapposizione è leggermente sovradimensionata e non centrata per i nostri ospedali. Il primo passaggio sarà pertanto la modifica del posizionamento e delle dimensioni della sovrapposizione di immagini.

  1. Fai doppio clic su "Image Overlay" nel documento Image Overlay Example per avanzare di nuovo con lo zoom.
  2. Per ottenere una guida per il ridimensionamento e lo spostamento della sovrapposizione di immagini, puoi utilizzare il segnaposto "Bounding Box Guides " (Guida per i riquadri) sotto "Image Overlay" (Sovrapposizione di immagini) e attivare la guida facendo clic sulla casella accanto al nome nel riquadro Luoghi. Verranno visualizzate quattro frecce gialle che indicano i punti suggeriti per i bordi nord, sud, est e ovest della sovrapposizione di immagini.
  3. Fai clic con il pulsante destro del mouse su "Image Overlay" (Sovrapposizione di immagini) nel riquadro Luoghi, quindi seleziona "Proprietà" dal menu contestuale.
  4. Tieni premuto il tasto Maiusc, quindi trascina gli angoli della sovrapposizione di immagini per ridurne leggermente le dimensioni.
    Nota. Tenendo premuto il tasto Maiusc vengono conservate le proporzioni dell'immagine e la sovrapposizione rimane quadrata. Le regioni non devono essere necessariamente quadrate, ma la sovrapposizione di immagini è quadrata in questa esercitazione.
  5. Trascina la croce al centro della sovrapposizione di immagini in una posizione in cui tutte le icone degli ospedali appaiano coperte dalla sovrapposizione stessa.
  6. Ridimensiona di nuovo la sovrapposizione, se necessario.
  7. Al termine della modifica della sovrapposizione di immagini, fai clic su "OK" nella finestra di dialogo Modifica sovrapposizione immagine.
  8. Se hai utilizzato i segnaposto "Bounding Box Guides", fai clic sulla casella accanto al nome nel riquadro Luoghi per deselezionare la funzionalità.

Schermata - Ridimensionamento della sovrapposizione di immagini

Definisci il livello di dettaglio:

  1. Fai clic sulla casella accanto a "Region Size Guide" nel riquadro "Luoghi" per attivare la funzionalità.
    Sullo schermo verranno visualizzati riquadri gialli di diverse dimensioni. Si tratta di una sovrapposizione su schermo che funge da guida a prescindere da dove ci si sposta sul globo.
  2. Premi "R" per assicurarti che la visualizzazione sia orientata verso nord e che il punto di vista sia perpendicolare al globo (nessuna inclinazione).
  3. Aumenta o riduci le dimensioni della sovrapposizione di immagini affinché corrisponda a uno dei riquadri gialli.
    La guida semplifica la definizione del livello di dettaglio ottimale per i segnaposto. La Region Size Guide è comunque un'approssimazione; sebbene siano indicate le dimensioni dei riquadri, il calcolo delle dimensioni di una regione sullo schermo è complesso e dipende da numerose variabili, tra cui la curvatura del globo e l'inclinazione della telecamera. Quando si seleziona una dimensione, ricorda che la regione verrà visualizzata a questa distanza approssimativa dal globo.
  4. Retrocedi con lo zoom finché la sovrapposizione di immagini non raggiungerà più o meno le stesse dimensioni del riquadro di 256 x 256.
  5. Se imposti il livello di dettaglio minimo per questi segnaposto su 256 pixel, i segnaposto saranno invisibili finché le dimensioni della regione che creeremo dalla sovrapposizione di immagini modificata non avrà almeno queste dimensioni sullo schermo.

    Schermata - Region Size Guide

Copia la sovrapposizione di immagini in un editor di testo:

  1. Fai clic con il pulsante destro del mouse su "Image Overlay Example" nel riquadro Luoghi, quindi seleziona "Copia" dal menu contestuale.
  2. Apri un editor di testo come Blocco note o Blocco note++ per Windows, TextPad o BBEditper Mac OS X o jEdit per tutte le piattaforme (consigliato).
  3. Incolla il codice KML della sovrapposizione di immagini in un documento vuoto.

Modifica il tag <GroundOverlay>:

  1. Elimina tutto tranne la coppia di tag <LatLonBox> e </LatLonBox> con i relativi contenuti.

    <LatLonAltBox>
    <north>40.708019</north>
    <south>40.596643</south>
    <east>-73.895570</east>
    <west>-74.042349</west>
    </LatLonAltBox>

  2. Modifica <LatLonBox> e </LatLonBox> in <LatLonAltBox> e </LatLonAltBox>.
  3. Se desideri creare una regione 3D, consulta la sezione Altitude nella pagina KML 2.1 Tutorial per conoscere gli ulteriori tag da aggiungere (<min/maxAltitude> e <altitudeMode>).
  4. Specifica 256 come dimensioni minime per il livello di dettaglio aggiungendo i tag <Lod> e <minLodPixels> come segue dopo il tag </LatLonAltBox>.

    <Lod>
    <minLodPixels>256</minLodPixels>
    </Lod>

  5. Aggiungi la coppia di tag <Region> e </Region> di apertura e chiusura all'inizio e alla fine del codice KML corrente.
    Al termine, il codice visualizzato dovrebbe essere il seguente:
     
    <Region>
    <LatLonAltBox>
    <north>40.708019</north>
    <south>40.596643</south>
    <east>-73.895570</east>
    <west>-74.042349</west>
    </LatLonAltBox>
    <Lod>
    <minLodPixels>256</minLodPixels>
    </Lod>
    </Region>

  6. Salva il file sul desktop con il nome region.kml.

Aggiungi la nuova regione alla cartella Brooklyn Hospitals:

  1. In Google Earth, fai clic con il pulsante destro del mouse su "Brooklyn Hospitals" nel riquadro Luoghi, quindi seleziona "Copia" dal menu contestuale.
  2. Apri un nuovo documento vuoto nell'editor di testo, quindi incolla il codice KML relativo a Brooklyn Hospitals.
  3. Salva il file sul desktop con il nome hospitals_region.kml, ma non chiuderlo.
  4. Apri il file region.kml, quindi seleziona e copia tutto il codice KML relativo alla regione.
  5. Torna al file hospitals_region.kml, posiziona il cursore in cima al file, quindi cerca il tag <Folder> di apertura.

    
    <Folder>
    <name>Brooklyn Hospitals</name>

    PASTE REGION HERE ... other KML tags <Placemark>

  6. Incolla la regione appena copiata sulla riga dopo il tag </name>. L'inizio dell'area <Folder> del file hospitals_region.kml dovrebbe ora avere il seguente aspetto:

    <Folder>
    <name>Brooklyn Hospitals</name>
    <Region>
    <LatLonAltBox>
    <north>40.708019</north>
    <south>40.596643</south>
    <east>-73.895570</east>
    <west>-74.042349</west>
    </LatLonAltBox>
    <Lod>
    <minLodPixels>256</minLodPixels>
    </Lod>
    </Region>
    ... other kml tags <Placemark>


  7. Salva il file hospitals_region.kml.

Verifica il nuovo codice KML con regioni abilitate:

  1. In Google Earth, elimina la cartella Brooklyn Hospitals originale, quindi apri il nuovo file hospitals_region.kml appena creato.
  2. Avanza e retrocedi con lo zoom sull'area di Brooklyn.
    Quando la sovrapposizione di immagini raggiunge dimensioni inferiori al riquadro giallo di 256 x 256, tutti i segnaposto degli ospedali di Brooklyn scompariranno.

    Schermata - regione degli ospedali non attiva Schermata - regione degli ospedali attiva

    Sinistra: la regione è inattiva. L'area sullo schermo è inferiore al valore minimo di 256 pixel per il livello di dettaglio.
    Destra: la regione è attiva. L'area sullo schermo è superiore al valore minimo di 256 pixel per il livello di dettaglio.

  3. Se i segnaposto non scompaiono riducendo lo zoom, prova a caricare questo file KML degli ospedali con regioni abilitate già pronto Logo KML. Confronta questo file con quello creato per identificare gli errori.

Quali altre operazioni si possono eseguire con le regioni?

Le regioni non vengono utilizzate solo con le cartelle. Possono essere aggiunte a qualunque funzionalità di Google Earth, ad esempio: modelli 3D, segnaposto, sovrapposizioni di immagini, poligoni e percorsi. È sufficiente incollare una regione all'interno del tag KML della funzionalità. Una regione specificata all'interno di una funzionalità (ad esempio segnaposto, modelli e così via) sostituisce un'eventuale regione presente nella relativa cartella principale. È pertanto possibile specificare una regione per numerosi segnaposto di minore importanza in una cartella, ma avere comunque un unico segnaposto principale visibile a distanze maggiori.

Domande frequenti

D. Quando è opportuno utilizzare le regioni?

Le regioni trovano numerosi impieghi, molti dei quali esulano dall'ambito di questa esercitazione. Un elenco sintetico comprende:

D. Quali sono i valori consigliati per i pixel dei parametri min/maxLodPixels?

Un valore di 128 pixel è l'ideale, dato il modo in cui Google Earth gestisce lo zoom di settori dell'immagine e altre funzionalità. Tale valore potrebbe tuttavia non essere sempre pratico, a seconda delle esigenze. I valori ottimali per minLodPixels sono potenze di due: 64, 128, 256, 512, 1024, 2048, e così via (2^6 = 64, 2^7 = 128), ma è anche possibile utilizzare altri numeri, ad esempio 100, 500, 1000.

D. Posso fare in modo che una funzionalità scompaia quando mi avvicino?

Sì. Anziché utilizzare <minLodPixels> in Region, utilizza <maxLodPixels>. Quando l'area della regione sullo schermo raggiungerà il valore di pixel specificato, la funzionalità o cartella scomparirà. Questo metodo è pratico per funzionalità quali mappe a bassa risoluzione o immagini satellitari storiche che si desidera mostrare sul globo quando si è distanti e nascondere quando ci si avvicina al suolo, dove queste funzionalità oscurerebbero le immagini satellitari ad alta risoluzione.

Cosa accade se si specifica un valore sia per <minLodPixels> che per <maxLodPixels>?

Se specifichi un valore di livello di dettaglio minimo e massimo per la regione, la funzionalità viene visualizzata quando le dimensioni raggiungono <minLodPixels> e scompare quando le dimensioni raggiungono <maxLodPixels>. Assicurati semplicemente che il valore massimo sia sempre superiore al valore minimo.

Questo metodo è utile quando desideri più livelli di dettaglio nel file KML. Ad elevate altitudini, ad esempio, sarebbe possibile rappresentare un modello di piramide 3D di SketchUp con solo un semplice segnaposto. Man mano che ti avvicini, puoi passare a un semplice contorno della piramide mediante un poligono piano. A distanza ravvicinata, puoi mostrare il modello 3D vero e proprio. In questo caso, utilizzerai tre regioni con le stesse impostazioni <LatLonAltBox> e diverse impostazioni <Lod> però sovrapposte:

D. Come posso rendere le funzionalità visibili a prescindere dalle impostazioni di zoom?

Se non specifichi un valore massimo per il livello di dettaglio, l'impostazione predefinita sarà -1. Ciò significa che la funzionalità verrà visualizzata a prescindere dall'aumento dello zoom. Per specificare esplicitamente questo comportamento, utilizza <maxLodPixels>-1</maxLodPixels>.

Se non specifichi un valore minimo per il livello di dettaglio, l'impostazione predefinita sarà 0. Ciò significa che la funzionalità verrà visualizzata a prescindere dalla riduzione dello zoom. Per specificare esplicitamente questo comportamento, utilizza <minLodPixels>0</minLodPixels>.

D. Che cos'è <min/maxFadeExtent>?

Come spiegato nell'Esercitazione KML , puoi specificare un'estensione di dissolvenza per la regione. Ciò significa che alcune funzionalità appariranno e scompariranno gradualmente. Questo comportamento è tuttavia applicabile solo a sovrapposizioni di immagini, sovrapposizioni fissate allo schermo, poligoni e percorsi. I modelli 3D e i normali segnaposto appaiono e scompaiono senza gradualità.

 

D. Perché la mia regione appare a basse altitudini quando utilizzo uno schermo più piccolo?

L'area di una regione sullo schermo dipende dalle dimensioni di visualizzazione 3D di Google Earth. Le regioni verranno di conseguenza attivate e disattivate ad altitudini differenti in funzione delle dimensioni dello schermo. Puoi sperimentare questo comportamento riducendo al minimo la finestra di Google Earth e trascinando l'angolo inferiore destro per ridimensionarla. Poiché l'altitudine della telecamera non cambia quando Google Earth viene ridimensionato, tutti gli elementi devono essere ridotti per mantenere la stessa distanza dal globo.

In virtù di questo comportamento variabile, verifica le tue regioni su schermi di dimensioni medie; la maggior parte degli utenti di Google Earth utilizza risoluzioni di 1024x768. Per avere un'idea del comportamento su questi schermi, ridimensiona la visualizzazione di Google Earth a 640x480 o 800x600. È possibile modificare le dimensioni di visualizzazione scegliendo Visualizza > Dimensioni vista > Riproduzione computer in Google Earth per selezionare altre dimensioni.

Scarica questo file KMZ per alcuni esempi relativi a questi quesiti.

Logo KML Altri esempi di regioni

Strumenti avanzati per le regioni:

Le regioni consentono di eseguire operazioni ben più complesse della semplice disattivazione di funzionalità a determinati livelli di zoom. Utilizzando link di rete e regioni contemporaneamente, puoi creare un sistema nidificato di file KML in grado di caricare segnaposto o sovrapposizioni di immagini (denominate sovrapposizioni superiori) con livelli di dettaglio sempre più elevati man mano che aumenti lo zoom.

Le sovrapposizioni superiori sono troppo complesse per essere create manualmente in KML. Sono disponibili alcuni strumenti per la loro creazione automatica. Questi strumenti ritagliano settori di immagini ad alta risoluzione e generano codice KML con regioni per attivare questi settori a livelli di dettaglio sempre maggiori con l'aumentare dello zoom. Tieni presente che i tre prodotti basati su Windows non sono ufficialmente approvati da Google.

Creazione di sovrapposizioni superiori

Aggiunta di regioni a segnaposto

:

La libreria Python "Regionator" è anche in grado di suddividere migliaia di segnaposto, poligoni e percorsi in regioni distinte per una migliore visualizzazione. Se ad esempio desiderassi creare un livello KML in cui rappresentare tutti gli ospedali degli Stati Uniti, si tratterebbe probabilmente di decine o centinaia di migliaia di punti; senza creare troppa confusione se il punto di vista si trova a un'altezza elevata, in questo caso Regionator costituisce davvero un'ottima scelta.

Regionator offre anche molti altri strumenti KML, ad esempio uno strumento che verifica nel file KML i collegamenti ipertestuali, le immagini e i link ad altri file KML, segnalando file mancanti o URL errati. Ricorda che si tratta di una libreria di programmazione in linguaggio Python; sarà pertanto necessario avere qualche nozione di programmazione e di utilizzo del prompt dei comandi.

Discussione/Commenti

Hai qualche domanda su questa esercitazione? Desideri inviarci i tuoi commenti? Accedi al Gruppo di discussione di Google Earth per il sociale per confrontarti con gli altri utenti.

Argomento successivo