Charity: Water

663 milioni di persone nel mondo vivono senza acqua potabile. Per charity: water, la missione è cambiare questo stato di cose portando acqua pulita, sicura e potabile agli abitanti dei paesi in via di sviluppo. L'organizzazione collabora con decine di partner locali all'estero e ha portato a termine più di 21.000 progetti finalizzati a garantire acqua potabile, igiene e servizi sanitari a oltre 6,4 milioni di persone.

Portata della missione

Large

Settore

Pubblico, servizi a vantaggio della comunità

Obiettivi

Aumenta l'awareness

Promuovi il traffico al tuo sito web

Raccolta fondi

Prodotto

Google Ad Grants

Programma non profit di YouTube

Diritti d'autore delle foto

Charity: Water

Sito web

https://donate.charitywater.org/donate/home

La sfida

Per riuscire nel suo obiettivo di portare acqua potabile pulita e sicura in tutto il mondo, charity: water ha voluto coinvolgere realmente i sostenitori per raccogliere fondi, aumentare la consapevolezza e raggiungere nuovi donatori, massimizzando la sua presenza online.

Storia

charity: water ha cercato di espandere la propria presenza online utilizzando gli strumenti gratuiti disponibili tramite Google per il non profit. Questi strumenti interattivi, per social media e di ottimizzazione contribuiscono a educare i possibili donatori, mostrando ai propri sostenitori in che modo il loro contributo ha avuto un impatto diretto.

Grazie a Google Maps, charity: water mette in contatto donatori e donazioni. Al momento della donazione, ai sostenitori viene inviata una serie di coordinate e fotografie con cui monitorare il proprio contributo e vederne l'impatto reale.

YouTube ha permesso alle persone coinvolte nel progetto idrico di documentarne visivamente i progressi offrendo allo staff di charity: water una piattaforma con cui inviare un messaggio di ringraziamento ai donatori o girare video in loco per raccontare storie personali di come i nuovi pozzi hanno garantito acqua potabile pulita e sicura.

charity: water utilizza inoltre Ad Grants per contribuire ad aumentare i risultati di ricerca organica e a pagamento, creando campagne come quella che ha incoraggiato la gente a chiedere ad amici e familiari una donazione a charity: water al posto di un tradizionale regalo di compleanno.

La nostra missione è garantire che tutti gli abitanti del pianeta abbiano accesso ad acqua potabile pulita e sicura. E con l'aiuto di Google, ci stiamo avvicinando al nostro obiettivo ogni giorno di più.

Tyler Riewer, Lead per i contenuti del brand

Impatto

"In un solo anno, Google per il non profit ci ha aiutato a incrementare del 350% il traffico verso il sito, del 300% i visitatori totali e del 333% le visualizzazioni video", afferma Tyler Riewer, Lead per i contenuti del brand, charity: water

Da quando il team ha iniziato a utilizzare Google per il non profit, le attività online hanno subito un rapido incremento. L'organizzazione ha anche creato una community di sostenitori appassionati grazie a video di ringraziamento personalizzati su YouTube, alle funzionalità di Google Maps, nonché ad annunci basati sulle ricerche e ai social media.

A settembre del 2015, charity: water ha lanciato la sua campagna annuale di raccolta fondi con il tema #NothingIsCrazy, incoraggiando le persone a fare cose straordinarie ogni giorno per raccogliere fondi per l'acqua potabile. Con l'aiuto degli strumenti di Google, la campagna ha convinto quasi 1900 sostenitori e raccolto $ 1,8 milioni, portando acqua potabile a più di 60.000 persone nei paesi in via di sviluppo. Google Analytics ha aiutato il team a comprendere in che modo i partecipanti stavano dando il proprio contributo, a stabilire i tassi di conversione e a creare un grafico delle visualizzazioni per il video promozionale della campagna.

Oggi charity: water sfrutta gli strumenti Google per raggiungere nuovo pubblico e spronarlo a investire in un mondo in cui tutti abbiano accesso all'acqua potabile, aderendo al programma di beneficenza mensile promosso dall'organizzazione: The Spring.

Scopri come le altre organizzazioni utilizzano Google per il non profit per produrre effetti concreti.