Accordi di autoregolamentazione

Ultima modifica: 17 aprile 2017

Come descritto nella nostra certificazione Privacy Shield, rispettiamo l'EU-US Privacy Shield Framework e lo Swiss-US Privacy Shield Framework, come stabilito dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti in relazione alla raccolta, all'utilizzo e alla conservazione di informazioni personali applicabili rispettivamente ai paesi membri dell'Unione europea e alla Svizzera. Google, incluse Google Inc. e le consociate degli Stati Uniti di sua proprietà, ha certificato la sua adesione ai principi del Privacy Shield. Google rimane responsabile di qualsiasi informazione personale fornita a terze parti per l'elaborazione esterna per suo conto ai sensi del principio del trasferimento successivo, come descritto nella sezione "Informazioni condivise da noi". Per ulteriori informazioni sul programma Privacy Shield e per visualizzare la certificazione di Google, invitiamo a visitare il sito web Privacy Shield.

Per eventuali richieste di informazioni sulle nostre norme di tutela della privacy in relazione alla nostra certificazione Privacy Shield, è possibile contattarci qui. Google è soggetta ai poteri di indagine e sanzione della Federal Trade Commission. È inoltre possibile presentare un reclamo all'autorità per la protezione dei dati personali nazionale, con la quale collaboreremo per risolvere la questione. In determinate circostanze, il Privacy Shield consente di invocare un arbitrato vincolante per risolvere controversie non risolte mediante altri mezzi, come descritto nell'Allegato I ai principi del Privacy Shield.

Google aderisce anche agli standard di settore relativi alla trasparenza e alla possibilità di scelta degli annunci online.